Chirurgo 


La diffusione delle malattie nodulari della tiroide è molto elevata; se tutti i pazienti affetti da questa patologia, che nella gran maggioranza dei casi è benigna, venissero sottoposti a intervento chirurgico si avrebbero almeno due grandi problemi da risolvere:
Le sale operatorie di tutto il mondo sarebbero piene di pazienti affetti da noduli tiroidei e gli ospedali non sarebbero in grado di assistere altri tipi di pazienti.
Moltissimi malati andrebbero incontro a un rischio operatorio non giustificato dal tipo di malattia.

E’ pertanto necessario valutare con attenzione quali pazienti sottoporre a tiroidectomia.
Il sospetto diagnostico di un tumore della tiroide , fondato sugli esami descritti sopra, è ovviamente il più importante dei fattori che fanno consigliare l’intervento chirurgico. E’ inoltre frequente il caso di voluminosi gozzi che determinano fenomeni compressivi sulla trachea e conseguente difficoltà respiratoria. I gozzi multinodulari tossici vengono spesso operati, consentendo così la guarigione dell’ipertiroidismo; al Chirurgo vanno anche indirizzati quei pazienti con ipertiroidismo da gozzo diffuso (autoimmune) che rispondono in maniera insoddisfacente al trattamento medico.

Power by Olomedia www.olomedia.it © 2009